NO ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE!

Io ero un uccello

Io ero un uccello
dal bianco ventre gentile,

qualcuno mi ha tagliato la gola
per riderci sopra,

non so.

Io ero un albatro grande
e volteggiavo sui mari.

Qualcuno ha fermato il mio viaggio,
senza nessuna carità di suono.
Ma anche distesa per terra
io canto ora per te

le mie canzoni d’amore

Alda Merini

(da “La Terra Santa” 1984)

Nel 1999 l’assemblea ONU decise di scegliere la data del 25 novembre per ricordare la necessità di combattere la violenza contro le donne: ma perchè proprio il 25 novembre? Per rispondere a questo domanda occorre riavvolgere il nastro del tempo fino al 1960. Il 25 novembre di quell’anno le sorelle Patria, Minerva e Maria Teresa Mirabal vengono uccise a bastonate dagli agenti del dittatore domenicano Rafael Leonidas Trujillo. La loro colpa: essersi opposte clandestinamente a chi stava soffocando nel sangue l’uguaglianza e la dignità. Il nome in codice usato dalle sorelle per le comunicazioni criptate era mariposas, le farfalle. In questa giornata di ricordo quindi ci impegniamo a mantenere viva la memoria della loro scelta coraggiosa e della loro forza e lo facciamo pensando a tutte quelle donne che ancora oggi sono vittime di violenza e a tutti quei popoli che subiscono, spesso nel silenzio dell’autorità internazionale, situazioni simili ancora oggi.Lunga vita alle donne! Lunga vita alle farfalle!

https://www.youtube.com/watch?v=c6kSFAU-9mc  –Lella Costa e il femminicidio

Canto delle donne

Io canto le donne prevaricate dai bruti
la loro sana bellezza, la loro “non follia”
il canto di Giulia io canto riversa su un letto
la cantilena dei salmi, delle anime “mangiate”
il canto di Giulia aperto portava anime pesanti
la folgore di un codice umano disapprovato da Dio,
Canto quei pugni orrendi dati sui bianchi cristalli
il livido delle cosce, pugni in età adolescente
la pudicizia del grembo nudato per bramosia,
Canto la stalla ignuda entro cui è nato il “delitto”
la sfera di cristallo per una bocca “magata”.
Canto il seno di Bianca ormai reso vizzo dall’uomo
canto le sue gambe esigue divaricate sul letto
simile ad un corpo d’uomo era il suo corpo salino
ma gravido d’amore come in qualsiasi donna.
Canto Vita Bello che veniva aggredita dai bruti
buttata su un letticciolo, battuta con ferri pesanti
e tempeste d’insulti, io canto la sua non stagione
di donna vissuta all’ombra di questo grande sinistro
la sua patita misura, il caldo del suo grembo schiuso
canto la sua deflorazione su un letto di psichiatra,
canto il giovane imberbe che mi voleva salvare.
Canto i pungoli rostri di quegli spettrali infermieri
dove la mano dell’uomo fatta villosa e canina
sfiorava impunita le gote di delicate fanciulle
e le velate grazie toccate da mani villane.
Canto l’assurda violenza dell’ospedale del mare
dove la psichiatria giaceva in ceppi battuti
di tribunali di sogno, di tribunali sospetti.
Canto il sinistro ordine che ci imbrigliava la lingua
e un faro di marina che non conduceva al porto.
Canto il letto aderente che aveva lenzuola di garza
e il simbolo-dottore perennemente offeso
e il naso camuso e violento degli infermieri bastardi.
Canto la malagrazia del vento traverso una sbarra
canto la mia dimensione di donna strappata al suo unico amore
che impazzisce su un letto di verde fogliame di ortiche
canto la soluzione del tutto traverso un’unica strada
io canto il miserere di una straziante avventura
dove la mano scudiscio cercava gli inguini dolci.
Io canto l’impudicizia di quegli uomini rotti
alla lussuria del vento che violentava le donne.
Io canto i mille coltelli sul grembo di Vita Bello
calati da oscuri tendoni alla mercé di Caino
e canto il mio dolore d’esser fuggita al dolore
per la menzogna di vita
per via della poesia.

Alda Merini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.