Archivi categoria: I. Culturali

partecipiamo al mercato contadino di Riale

Ha riaperto regolarmente e ufficialmente  il Mercato Contadino: mercatino rionale di Riale del martedì pomeriggio. Zolarancio partecipa e sostiene  questa realtà che promuove piccoli produttori e commercianti locali, produttori virtuosi e in gran parte biologici. Cerchiamo di realizzare così sul nostro territorio una rete di solidarietà alla piccola economia locale di prossimità e un’occasione di incontro e partecipazione e perchè no di scambio culturale. Zolarancio sarà presente al Mercato Contadino con il Tavolo dei Libri Liberi per tutti.                         Chiunque potrà prendere gratuitamente i libri che gli interessano.

Rispettando le regole necessarie, vi aspettiamo!

                    

Zolarancio contro le mafie: 18-23 maggio per Falcone e Borsellino

Il progetto”Le Mafie in casa nostra?” pensato da Zolarancio insieme a diverse altre associazioni di Zola (Borghi di via Gesso, Pro Loco, Zeula, Mandria), al Comune, alle Associazioni “Mafie sottocasa” e “Libera”, come tante altre attività, così come era stato ideato, ha dovuto subire una forzata battuta d’arresto causa covid.

Ma ci siamo riproposti di non lasciare cadere l’argomento, mantenendo per quanto possibile vigile l’attenzione, tanto più che in periodi di crisi quali stiamo attraversando le infiltrazioni mafiose sono molto più facili in tutti i settori, spesso senza che ce ne rendiamo neanche conto, dato che siamo più deboli, bisognosi e meno attenti.

Dal 18 maggio (giorno di nascita di Giovanni Falcone) al 23 maggio (data della strage di Capaci) sono previste diverse manifestazioni per commemorare Falcone e Borsellino e aumentare la consapevolezza antimafia (anche in RAI per tutta la settimana, e venerdì 22 su RAI 1 in prima serata il film su Felicia Impastato fortemente voluto da Giovanni Impastato)

Cerchiamo di fare anche noi la nostra parte:

1)      Vi riproponiamo, per chi non l’avesse ancora potuto vedere, il video della serata tenuta a Riale il 15 gennaio 2020 con il Magistrato Marco Imperato, intervento quanto mai attuale in questa situazione. Lo trovate al Link  https://youtu.be/hiaDZ6CF7ms, ma anche su questo Sito in “zabacheca<notizie da za<serata a Riale contro le mafie”

2)      Per chi volesse conoscere meglio la bravissima Associazione “Mafie sottocasa”, consigliamo di visitare il loro sito mafiesottocasa.com molto ben fatto e molto interessante.

3)      Anche Libera nel suo Sito www.libera.it produce molto materiale informativo e aggiornato.

Alleghiamo qui alcuni stralci che ci sono sembrati particolarmente attuali e significativi

1 –          La presentazione del Sito di Mafiesottocasa

2 –          L’articolo di Augusto Cavadi  “L’identikit della mafia” tratto dal libro AA. VV., R…esistere. Appunti di viaggio dal Campo Scuola a Palermo , Filca Cisl, Roma 2009, pp. 33 – 40.

3 –          L’augurio di Mimmo Lucano.

Per una settimana intensa e proficua contro le mafie, ricordando con Gino Strada che l’atteggiamento più pericoloso è l’indifferenza.

ALLEGATO 1: presentazione del Sito di Mafiesottocasa

Una notizia di cronaca, se letta singolarmente, può sembrare di poca importanza. Ma se la stessa informazione viene messa in rete e inserita in un contesto più ampio, può assumere un significato diverso e diventare di grande aiuto per capire come si muove la criminalità organizzata sul territorio. E capire è necessario a contrastare. Da questa esigenza nasce Mafie Sotto Casa.

Questo sito è uno dei tanti strumenti che mettiamo a disposizione di tutti, a partire dalle scuole (se siete curiosi di conoscere gli altri progetti, ne trovi alcuni qui). Speriamo che tutti vogliano metterci del loro: la lotta alla mafia è una lotta per la democrazia e la democrazia è pienamente vissuta solo se partecipata da tutti. Se anche voi siete di questa idea e volete contribuire a sviluppare il progetto, dopo aver visitato il sito non dimenticate di passare di qui.

Chi siamo.

Siamo una banda di amici che da Piacenza a Rimini ha trovato nello stare insieme la forza, il coraggio e la passione di continuare a contrastare strada per strada e città per città la mentalità mafiosa.

Da anni, come singoli o come volontari all’interno di varie associazioni, costruiamo percorsi di legalità e contrasto alle mafie in regione. In qualunque contesto, dalla piazza gremita di gente all’oratorio di periferia, lavoriamo per trasformare in realtà i sogni di chi, per opporsi all’arroganza mafiosa, ha dovuto pagare prezzi altissimi.

Siamo quindi una banda di folli.

Ma così erano stati etichettati nel tempo, tra gli altri, Placido Rizzotto, Pippo Fava, Boris Giuliano, Peppino Impastato, Paolo Borsellino, Giovanni Falcone; così sono etichettati tutt’ora Gaetano Saffioti, Giulio Cavalli, Luigi Ciotti, Giovanni Tizian, Salvatore Borsellino e tutti gli altri a cui questo lavoro è dedicato.

Benvenuti in Mafie Sotto Casa.

ALLEGATO 2: “L’identikit della mafia” di Augusto Cavadi

Il mio desiderio sarebbe di offrire una chiave di lettura – una griglia interpretativa – che vi consenta di raccogliere in una visione d’insieme le esperienze, i racconti di vita, le testimonianze che avete ascoltato e che continuerete ad ascoltare in questi giorni. I fatti, le azioni, sono importanti, anzi essenziali: ma abbiamo bisogno anche di qualche schema mentale per ordinarli e, così, capirli più a fondo.

Comincerei come una domanda che sembra facile facile ed è invece assai complicata: cos’è davvero la mafia? Dico subito che mi riferisco alla mafia nel senso preciso, concreto, delimitato: a “Cosa nostra” e alle altre associazioni criminali che ruotano in Sicilia attorno a “Cosa nostra”. Non sto parlando della mafia come etichetta generica, come sinonimo di delinquenza e malaffare: no, se usiamo la parola mafia per indicare ogni forma di malavita, allora tutto il male del mondo, da Adamo ed Eva, è mafia. E se tutto è mafia, nulla lo è veramente. Se tutto è mafia, essa c’è sempre stata e sempre ci sarà: quindi non possiamo che arrenderci e tornarcene ognuno al calduccio di casa nostra. La criminalità c’è sempre stata e, tuttora, la si può registrare sotto tutti i regimi politici: ma non tutto è mafia.

Inizierei a precisare che la mafia di cui oggi parliamo ha avuto una data di nascita, almeno approssimativa: il 1861, l’anno in cui si è costituito il regno d’Italia. Prima che si unificasse il nostro Paese, prima che nascesse lo Stato italiano, avevamo il brigantaggio, avevamo varie forme di banditismo, avevamo certamente cosche che esercitavano soprusi: ma questi fenomeni vengono, giustamente, definiti dagli storici “pre-mafiosi”. La mafia, invece, ha una sua specificità: essa è inconcepibile senza il rapporto “dialettico” con lo Stato. Preciso subito cosa intendo, in questo caso, con l’aggettivo “dialettico”. Potrei cavarmela dicendo che la mafia ha un rapporto di amore-odio con lo Stato, con le istituzioni pubbliche: ma voglio essere più chiaro. Nei mass-media la mafia viene spesso dipinta come l’Anti-Stato: ma questa è una definizione sbagliata o, per lo meno, incompleta. I criminali comuni sono anti-Stato, ‘fuori’ e ‘contro’ le strutture statuali: la mafia, invece, cerca prima di tutto di entrare ‘dentro’ lo Stato, di farsi Stato. Quando le riesce di infiltrarsi nei gangli dello Stato non chiede di meglio! Quando trova una situazione “morbida”, quando s’interfaccia con persone disposte a colludere, la mafia non è l’avversaria dello Stato. Magari fosse sempre così netta la contrapposizione! Magari potessimo vedere con chiarezza due squadre in campo , lo Stato da una parte e l’anti-Stato dall’altra, in modo da poter scegliere senza difficoltà da che parte stare! E’ solo se trova una resistenza “dura” (non solo Falcone e Borsellino, ma tantissime altre figure che nella storia – prima e dopo di loro – hanno resistito) che la mafia diventa “anti-Stato”. Essa si fa nemica di quei pezzi di Stato, di quegli uomini delle istituzioni, che non si lasciano né corrompere né intimidire. perché trova uno Stato che non si fa intimidire, non si fa corrompere.

Ma questa associazione criminale che è la mafia, a quali finalità specifiche mira? Il denaro e il potere. Il denaro, come tutte le bande di delinquenti del mondo; ma anche, più specificamente, il potere. Ciò che la distingue dalla delinquenza generica è proprio la ricerca di rapporti stabili, consolidati, strutturati con il potere politico. Su questo la mafia non fa scelte ideologiche: ai tempi del re era monarchica; durante il fascismo si è infiltrata nel partito fascista, perché quest’ultimo deteneva il potere; poi è diventata repubblicana; poi democristiana; poi berlusconiana…Un proverbio siciliano recita: “Cumannari è meglio che futtiri”, l’esercizio del potere è un piacere più intenso delle scopate.

E come fa la mafia a perseguire i suoi due obiettivi principali, l’arricchimento illecito e il dominio sul territorio? Direi: con la carota e con il bastone. Con la persuasione e con le minacce. Con una strategia culturale e con l’uso della violenza fisica. Anche questa è una differenza importante rispetto alla criminalità comune: la mafia prima cerca di comprare i suoi complici (avvocati, magistrati, imprenditori, pubblici ufficiali, politici, giornalisti, medici… ) e poi, solo se non ci sono altri mezzi di persuasione, ricorre alla violenza militare. Ecco perché se, in un determinato periodo, non ci sono morti di mafia, non vuol dire necessariamente che le cose vadano meglio: può significare, al contrario, che la mafia governa senza resistenze, gestisce il potere senza insubordinazioni. Può significare che la gente obbedisce senza neppure bisogno di minacce. Può voler dire che la sua politica culturale territoriale ha funzionato: essa è riuscita a far condividere il suo codice culturale, la sua mentalità, l’insieme dei suoi ‘valori’. Questo è davvero terribile: la mafia trionfa indisturbata quando ottiene che l’ambiente circostante partecipi con convinzione dei suoi stessi principi filosofici. La mafia non vuole il Far West. Preferisce di gran lunga che la gente pensi: “Meno male che ci siete voi, altrimenti staremmo peggio…”. La mafia “educa” le nuove generazioni fin dall’infanzia: è possibile parlare di una vera e propria pedagogia mafiosa.

Proviamo, dunque, a tirare le fila di questo identikit (sommario) della mafia: essa non è una cosa enorme e invincibile, la “piovra” descritta in molti film. In realtà è un club di soggetti che si riconoscono in un’identica mission. Gli inscritti a questa società segreta mafiosi sono 5 mila: cinque mila su cinque milioni di siciliani. Non il 10%, non l’1%, ma l’1 per mille dei siciliani. Perché si mettono insieme? Non solo per il potere né solo per il denaro, ma per entrambi questi scopi. E come vogliono raggiungerli? Con la violenza esercitata e minacciata, ma solo quando non riescono ad affascinare l’opinione pubblica con l’insieme di ‘valori’ che propongono. Solo così si può spiegare un fatto su cui troppo spesso si sorvola: ad appoggiare la mafia non sono solo i poveri che non hanno da mangiare. Dobbiamo smettere di dire che la mafia nasce solo perché c’è la povertà: la povertà c’era anche in Veneto, in Irlanda, ma lì non si è creata la mafia. Tra i miei allievi, in trent’anni di insegnamento, mi è capitato anche di avere figli di mafiosi e, in qualche caso, persino giovani che sono diventati mafiosi da adulti: vi assicuro che non erano né tra i meno bravi a scuola né tra i meno ricchi.

Molti di voi vengono dal Settentrione d’Italia: vorrei dunque spendere qualche parola sulla vastità dell’influenza che esercita la mafia nel nostro intero Paese. Spesso l’idea che la mafia sia dappertutto – anche al Nord – viene usata in senso sbagliato: dire che “la mafia è a Roma e a Milano” rischia di essere un modo per togliere responsabilità ai siciliani. La testa della mafia è in Sicilia, ma questa testa ha bisogno di appoggi politici a tutti i livelli (locale, regionale, nazionale). Questo spiega perché la mafia ha diramazioni nel resto dell’Italia e anche fuori dall’ Italia. Perché la mafia mette le bombe in via dei Georgofili a Firenze o alla chiesa del Velabro a Roma? Perché vuol far capire che la sua dimensione non è ‘provinciale’, localistica. Qualche anno fa il presidente dell’ABI (Associazione Banchieri Italiani) ha detto che se le banche dovessero rifiutare i soldi del riciclaggio, l’intero sistema bancario italiano avrebbe un crollo. La più grande industria italiana non è la Fiat, ma la criminalità organizzata: mafia, ‘ndrangheta e camorra.

Ma forse abbiamo detto abbastanza su cos’è la mafia: spendiamo qualche altro minuto per accennare a ciò che potremmo fare, insieme, per contrastarla. Come sconfiggere la mafia? In un libretto che, dal 1992 ad oggi, è stato più volte riedito e ristampato – Liberarsi dal dominio mafioso. Che cosa può fare ciascuno di noi qui e subito, edito dalle Dehoniane di Bologna – ho provato a individuare cinque armi principali per combattere contro la mafia:

1) Le armi intellettuali: la conoscenza, l’aggiornamento e l’approfondimento. Le cosche nel Sud hanno la capacità di convincere le persone che stanno facendo il loro bene: “Noi meridionali siamo tutti vittime del Nord”. Questa argomentazione viene utilizzata come una delle legittimazioni dell’autogoverno mafioso. Bisogna combattere la mafia con l’intelligenza: la nostra prima arma di difesa è l’informazione. La mafia che passa attraverso la televisione è una mafia edulcorata, quasi pericolosa, perché favorisce l’immedesimazione nei protagonisti che vengono rappresentati nei film, nelle fiction. È necessario attingere ad altre fonti: leggere qualche libro serio, documentarsi su qualche rivista seria o su qualche sito web serio.

2) Le armi dell’etica: perché non è facile resistere alla mafia. Prima di sparare la mafia cerca di sedurre, di comprare, di offrire carriere… Scegliere di resistere significa scegliere una vita meno comoda di quella che si può avere con l’appoggio dei mafiosi. È una scelta che in questa terra si deve fare molto presto: verso i 15, 16 anni. Combattere la mafia a volte significa dover pagare, non necessariamente con la vita, ma con la fine di amicizie, con l’isolamento, talora con l’allontanamento dalla propria casa (come quanti decidono di testimoniare contro la mafia). Dire ‘no’ alla mafia comporta la rinunzia ai privilegi e ai vantaggi della collusione: per questo esige una grande libertà interiore!

3) Le armi politiche. Abbiamo il voto. Finché i mafiosi e gli amici dei mafiosi ricevono i voti non si va avanti. Bisogna votare quelli che non sono in odore di mafia: e ce ne sono in quasi tutti gli schieramenti.

4) Le armi dell’economia. Significa sia boicottare l’economia illegale (che deriva ad esempio dal commercio di prodotti contraffatti, di stupefacenti) sia favorire l’economia legale. La legge “Rognoni-La Torre” ha toccato il portafogli dei mafiosi. Con “Addio Pizzo” il boicottaggio alle tasche della mafia si allarga: da azione giudiziaria diventa strategia popolare. Si evitano i negozi in mano ai mafiosi (e non è facile: spesso, poiché riciclano denaro sporco, possono permettersi i prezzi più bassi !) e si favoriscono le ditte ‘pulite’ che si rifiutano, pubblicamente, di pagare il pizzo. . Questo tema andrebbe approfondito a parte. Ai piccoli imprenditori i mafiosi chiedono poco, magari solo 50 euro al mese: il pizzo ha prima di tutto una valenza simbolica, perché pagarlo significa accettare controllo del territorio da parte delle cosche. Ma come convincere i commercianti a ribellarsi? Ad alcuni bastano gli ideali morali per scegliere di essere contro la mafia, ma ad altri no: è necessario far vedere che una società più equa è una società più conveniente per tutti. È importante far riuscire a far coincidere gli ideali con gli interessi. Quando a Tano Grasso – che vendeva scarpe a Capo d’Orlando – vennero a chiedere il pizzo, disse: “Tornate tra una settimana”. Nel frattempo parlò con gli altri commercianti della zona e disse: “Mettiamoci d’accordo: se sono solo io a non pagare, mi ammazzano, come l’anno scorso hanno ammazzato a Palermo Libero Grassi. Se dobbiamo dire no, lo dobbiamo dire tutti insieme”. Infatti Libero Grassi è stato assassinato dagli estortori perché, quando aveva detto in tv che avrebbe continuato a rifiutarsi di pagare il pizzo, l’allora Presidente di Confindustria aveva dichiarato ai giornalisti: “Non capisco di che parli il mio collega. Qui a Palermo nessuno di noi è vittima del racket: magari avrà incontrato qualche criminale locale…”. Il male vince sempre, quando i ‘buoni’ non fanno nulla.

5) Le armi dell’educazione. Bisognerebbe, come dice il mio amico don Cosimo Scordato, riuscire a strappare almeno una generazione alla mafia: da 150 anni essa riesce a passare il testimone alle nuove generazioni. Bisogna costruire una pedagogia alternativa, lavorare sul territorio, con i bambini, con i ragazzi, con i loro genitori, per invertire la disaffezione all’impegno e l’attitudine a girarsi dall’altra parte. Questa non è una battaglia facile: l’educazione è importantissima, ma poi c’è il mistero – o l’enigma – della libertà. L’insegnamento a parole può servire, ma deve tradursi anche in testimonianza di vita. Ed è qua che molti docenti, anche ‘democratici’ e ‘progressisti’, si tradiscono: non si comportano in maniera differente rispetto ai colleghi reazionari, conservatori o qualunquisti.

E’ davvero ora di chiudere. Due o tre considerazioni globali che servono, però, ad introdurre la testimonianza successiva.

Prima considerazione: sconfiggere la mafia è possibile se ci mobilitiamo NOI, QUI, ORA. L’orizzonte dell’antimafia non può continuare ad essere visto come straordinario. Non possiamo permettercelo. Va bene fare la fiaccolata per ricordare Giovanni Falcone il ventitrè maggio, ma solo se è espressione di un lavoro che si distende per ogni singolo giorno dell’anno. Ormai è appurato: in alcuni casi, sono gli stessi mafiosi che promuovono le manifestazioni antimafia! Le intercettazioni ci aiutano a capire queste dinamiche. È logico che la mafia abbia convenienza a far concentrare l’attenzione in un solo momento all’anno , se questo distrae da un impegno costante, continuo, quotidiano…

Seconda considerazione: all’onestà di riconoscere, con vergogna, che la Sicilia è la terra della mafia, dobbiamo coniugare l’orgoglio di ricordare che è anche la terra dell’antimafia. Non serve a nessuno, tranne che ai mafiosi, cancellare la memoria dei martiri che ci hanno preceduto: la storia dell’antimafia scorre antica come la storia della mafia. E, ad essa, strettamente intrecciata.

Terza considerazione: sono convinto che il movimento anti-mafia può raggiungere dei risultati solo se, oltre ad agire, riflette anche sull’azione. Bisogna creare e ricreare incessantemente nuovi equilibri individuali e collettivi: non basta studiare e scrivere libri, ma nemmeno il lavoro eroico di chi opera sul campo, sui vari campi. Bisogna sintonizzare le diverse sensibilità, far confluire in un flusso unitario e sinergico azione e riflessione. Per questo motivo, con altri amici, nel 1992 ho fondato un’associazione di volontariato culturale che si chiama “Scuola di formazione etico- politica Giovanni Falcone”: voleva essere – vorrebbe essere ancora – un’oasi in cui i militanti ogni tanto si rifugino per riposarsi, per meditare, per aggiornarsi. Credo molto all’interscambio fra chi spende la vita nella pratica e chi la spende nello studio, ma come servizio alla pratica e non come fuga dalla storia: penso che vi sia facile immaginare quanto sia contento, oggi, di incontrare un gruppo di operai e sindacalisti animati dal mio stesso desiderio di coniugare azione, informazione e riflessione critica. I formatori che vi accompagnano hanno accettato di acquistare e distribuire a ciascuno di voi una copia del mio libretto La mafia spiegata ai turisti: qualcuno, fermandosi alla copertina volutamente ironica, pensa che si tratti di una pubblicazione umoristica. Invece è serio, frutto di tanti incontri con ospiti da tutto il mondo (per questo l’abbiamo pubblicato in sei lingue) e mi auguro di cuore che vi possa accompagnare come strumento per prolungare un po’ l’eco di queste giornate palermitane.

ALLEGATO 3: augurio di Mimmo Lucano

“Vi auguro di avere il coraggio di restare soli e l’ardimento di restare insieme, sotto gli stessi ideali.

Di poter essere disubbidienti ogni qual volta si ricevono ordini che umiliano la nostra coscienza.

Di meritare che ci chiamino ribelli, come quelli che si rifiutano di dimenticare nei tempi delle amnesie obbligatorie.

Di essere così ostinati da continuare a credere, anche contro ogni evidenza, che vale la pena di essere uomini e donne.

Di continuare a camminare nonostante le cadute, i tradimenti e le sconfitte, perché la storia continua, anche dopo di noi, e quando lei dice addio, sta dicendo un arrivederci.

Ci dobbiamo augurare di mantenere viva la certezza che è possibile essere contemporanei di tutti coloro che vivono animati dalla volontà di giustizia e di bellezza, ovunque siamo e ovunque viviamo, perché le cartine dell’anima e del tempo non hanno frontiere.”

Mimmo Lucano

Buon 1° Maggio!

Anche la Festa del Lavoro vogliamo passarla insieme a voi attraverso il web:

il tema del lavoro se possibile è ancora più pressante e fondamentale in queste emergenze: tanti l’hanno perduto, tanti se lo sono trovato ridotto, e gli economisti già ipotizzano almeno due anni necessari perché la situazione si “normalizzi”… la ripresa è lontana, ma quale ripresa? Ora più che mai si è visto che il nostro modello di sviluppo, per come è andato avanti sinora, è un modello ingiusto e fragile, che si basa sulla divisione dei lavoratori e su bisogni indotti, sullo sfruttamento vergognoso dei “migranti” che nessuno controlla e ai quali in cambio vengono attribuite colpe e responsabilità e nessun diritto sociale. Questo è il momento per ripensarlo, e per pensare ad eliminare tante ingiustizie e precarietà sia economiche che sociali. E’ anche il momento per porre sempre più attenzione al problema delle infiltrazioni mafiose nel mondo del lavoro, molto più facile nei momenti di crisi.

Sul tema del lavoro e dei migranti vi proponiamo il video “Noi e loro, un gioco in cui perdono tutti” con il sociologo Mimmo Perrotta ai link https://www.youtube.com/watch?v=HQqBy8zmFxc&t=1407s e https://www.youtube.com/watch?v=_PeMyXvlqSs&t=2955s

Sul tema delle infiltrazioni mafiose nel mondo del lavoro chi non l’ha ancora visto può seguire il video” Le mafie in casa nostra? Dalla cultura antimafia alle regole come strumento di liberazione”. “ con il magistrato Marco Imperato al link https://youtu.be/hiaDZ6CF7ms

Inoltre, per festeggiare e ricordare la Giornata dei Lavoratori, un regalo dalle amiche di “Arte a caso da casa”, in cui Maria Benassi  propone la “lettura artistica” del video sull’opera “La morte di Togliatti” di Renato Guttuso al link https://youtu.be/DS2DRN8c1y4

Anche la cultura è lavoro!

Buone visioni e a presto

LE MAFIE IN CASA NOSTRA?11 OTTOBRE: IL RECUPERO DEI BENI CONFISCATI

Inizia con questa importante serata un percorso che ci auguriamo di fare insieme per scoprire le infiltrazioni della mafia nei nostri territori e per conoscere le esperienze che cercano di interrompere questo ciclo vizioso con interventi virtuosi. Mafiesottocasa, che già abbiamo conosciuto in passato, coordinerà insieme a Zolarancio, a Libera, al Comune di Zola, a molte altre Associazioni zolesi un progetto che toccherà diversi aspetti delle infiltrazioni mafiose che ahimè ci riguardano tutti, volenti o nolenti.
E’ importante essere informati su che cosa succede a casa nostra: così possiamo anche dare una mano ad invertire questi processi e fare la nostra parte!


                                                             LE MAFIE IN CASA NOSTRA?                                                                                                   1° incontro  IL RECUPERO DEI BENI CONFISCATI                                                                                            11 OTTOBRE 2019 ORE 20,30 

SALA ARENGO DEL COMUNE di ZOLA PREDOSA

NE PARLIAMO CON:
Davide Dall’Omo Sindaco di Zola Predosa

Luigi Lucchi Sindaco di Berceto

Sara Donatelli Associazione Mafiesottocasa

Antonio Monachetti Associazione Libera

A seguire, Buffet a offerta libera (il ricavato verrà donato alle Associazioni intervenute)

Vi preghiamo di diffondere l’iniziativa attraverso tutti i vostri canali ….. e partecipiamo tutti!                                                                                     

MUSICA E BALLI TRA LE LAVANDE

                                     

anche quest’anno appuntamento con tutti quelli di voi che verranno con noi a Iano di Sasso Marconi.

                                         domenica 23 giugno 2019 ore 18

Oltre a rimirare il bellissimo spettacolo delle lavande fiorite, sempre emozionante in un fantastico paesaggio di colori e profumi, quest’anno saremo in compagnia del Maestro di BALLI POPOLARI Sergio e del gruppo musicale “Le + Tost” che ci accompagneranno in musica nella nostra passeggiata e nei Balli sull’aia

Sarà possibile poi fruire di un buffet autogestito con specialità di Zolarancio e  di Betta!

Contribuiremo al buffet e alla musica con un’offerta di € 5.

Per aderire  RISPONDETE a zolarancio@gmail.com entro Mercoledì 19/06/2019

Il ritrovo per chi vuole andare insieme a noi è domenica 23/06/2019 alle ore 17.30 nella piazza del Comune di Zola Predosa

ATTENZIONE: In caso di pioggia l’iniziativa sarà annullata

Per chi vi andrà direttamente, ecco le indicazioni:

L’azienda si trova in via Jano 5/2 a Sasso Marconi, l’arrivo previsto per le 18,00.

Dista dal centro di Sasso 3/4 km. Si passa Fontana (frazione di Sasso) e sulla destra c’è la deviazione per andare a S.Leo e a Jano.

Due km di salita e ti trovi a Jano, meglio, ti trovi in un altro mondo!!!! A noi piace tantissimo!

commento a “con le mani” in onore del 2 agosto 1980

Nella serata del 10 luglio, nella nuova piazza del Mercato di Zola, in una serata non prettamente estiva, abbiamo partecipato allo spettacolo ‘Con le mani’.
Organizzato da Gabriele Vitiello per Zolarancio che ha portato il Gruppo di cui anche lui fa parte, il Gruppo ‘Sbanda Ballet’  che insieme all’Ordine delle Professioni Infermieristiche, portano in giro uno spettacolo di musica e voci per ricordare il 2 Agosto 1980.
La musica ha aiutato a ‘sopportare’ le testimonianze recitate dalle attrici e dall’attore che sono state raccolte dopo 30 anni (tanto ci vuole a volte per poter cominciare a parlare di un grande trauma?) dai soccorritori: infermieri, medici, vigili del fuoco, e dei feriti sopravvissuti alla strage.
Insieme  a circa 80 cittadini, ho partecipato allo spettacolo, intenso ed emozionante che ha avuto un momento ancora più commovente quando l’attore ha portato sul palco l’autista dell’autobus 37 e ne ha letto il suo racconto.
Solo il ballo finale e collettivo proposto dai musicisti ha permesso di allentare l’emozione. E’ stato bello esserci!
Il prossimo spettacolo sarà proprio il 2 agosto a S. Lazzaro di Savena.

Verena

Evento CON LE MANI a Zola: ricordiamo il 2 AGOSTO a Bologna

Cari amici,

ecco un nuovo importantissimo evento che Zolarancio organizza insieme alla Pro Loco e al Comune di Zola: CON LE MANI, spettacolo di letture e musiche per ricordare il 2 AGOSTO 1980 con la partecipazione dell’Ordine degli Infermieri e delle Famiglie delle vittime. Partecipano all’evento anche moltissime altre Associazioni, tra cui Libera. Curerà ed eseguirà le musiche il Gruppo Sbanda Ballet.

VIENI IL 10 LUGLIO ore 20,30

               alla nuova Piazza di Zola (Piazza della Repubblica 1)
                                                  (in caso di pioggia l’evento si terrà nella Sala Arengo del Comune)

nel viola delle lavande incontro con gli autori: come è andata?

A Iano, sul fianco della collina, a lato di una strada stretta che si inerpica sempre più ripida tra i boschi sopra Sasso Marconi, c’è un’azienda che ha poco a che fare con il significato che il senso comune attribuisce a questa parola. Un’azienda dove si custodisce ciò che è delicato, profumato, frutto della cura paziente dell’artigiano che non forza la natura, ma ne beneficia.

Betta ha ospitato la comunità di Zolarancio tra i campi di lavanda, che sono allo stesso tempo la sua casa e il luogo del suo lavoro ad alto tasso ecologico, un posto ideale per ricaricare i sensi e godersi una domenica di riposo. Il tutto condito da un momento culturale, con la lettura di Haiku, di alcune poesie di Emily Dickinson, di brani in prosa con al centro, immancabilmente, i temi della vita agreste, accompagnati dai fantasiosi brani musicali di Teresio Testa. Colori, odori, sensazioni, stili di vita improntati sulla solidarietà sono stati al centro di un pomeriggio in perfetto stile Zolarancio, con tanto di prelibatezze mangerecce e bevande ristoratrici, naturalmente. Un pomeriggio discreto e sostanzioso al tempo stesso, da assaporare e condividere. E quali parole possono esprimere la sostanza di una giornata a contatto con la natura e con il suo incanto, se non quelle poetiche della Dickinson?

 

La natura – nella sua cortesia-

La natura – nella sua benevolenza-

La natura – nella sua equità-

 

Un grazie alla Betta per la sua ospitalità, augurando buon raccolto a lei e a tutti noi.

 

Simone

 

 

NEL VIOLA DELLE LAVANDE INCONTRO CON GLI AUTORI

Carissimi,
domenica 24 giugno appuntamento con tutti quelli di voi che vorranno esserci a Iano di Sasso Marconi.

Oltre a rimirare il bellissimo spettacolo delle lavande fiorite, sempre emozionante  in un fantastico paesaggio di colori e profumi, quest’anno ci diletteremo di contatti con gli autori in uno scenario davvero speciale: il Progetto Zola Book Station, con la partecipazione di Equi-libristi, di Zeula, del bravissimo musicista e amico Teresio Testa e di altri amici, approda ad Hortus Coeli!

Sarà possibile poi fruire di un buffet autogestito con specialità di Betta!

                                         NEL VIOLA DELLE LAVANDE INCONTRO CON GLI AUTORI

                                           Vi aspettiamo numerosi il pomeriggio del    24/06/2018

per incontrare Betta nella sua bella Azienda e per condividere  musiche e poesie sulla natura

A fine pomeriggio Betta, con la collaborazione di Zolarancio, offrirà ai partecipanti un aperitivo con le sue specialità: contribuiremo con un’offerta di € 3.

Non molto distante da noi si trova questa piccola azienda agricola, situata sulle colline di Sasso MarconI  in mezzo a boschi secolari di castagni.

Essendo la struttura del terreno poco ricca di sostanza organica, ha obbligato l’azienda ad orientarsi verso la coltivazione di prodotti di nicchia, come la lavanda,  e  di alberi da frutto di antiche varietà presenti nella zona .

Sono meli, peri, ciliegi, pruni, albicocchi, cotogni, e mandorli con sapori molto lontani dalle colture monosapori che oggi caratterizzano gli scaffali dei negozi e dei supermercati.

La coltivazione della lavanda occupa la maggior parte del terreno coltivato.

Sul terreno dell’azienda agricola vengono coltivate anche alcune varietà orticole come zucche, porri, ceci, destinati ad essere trasformati in gustosi pesti e patè.

Una parte del terreno è lasciato incolto per la raccolta di quello che spontaneamente vi nasce come il tarassaco, la rucola selvatica, la borragine, le primule, il sambuco e la rosa canina, anche questi utilizzati per confetture , pesti e patè

Il ritrovo per chi vuole andare insieme è domenica 24/06/2018 alle ore 17.30 nella piazza del Comune di Zola Predosa.

Vi chiediamo di dare la vostra adesione INVIANDO UNA MAIL A “zolarancio@gmail.com

                                     entro Mercoledì 20/06/2018

ATTENZIONE:  In caso di pioggia l’iniziativa sarà annullata.

E per invogliarvi a partecipare guardate le foto della galleria!!!

Per chi vi andrà direttamente, ecco le indicazioni:

L’azienda si trova in via Jano 5/2 a Sasso Marconi, l’arrivo previsto per le 18,00.

Dista dal centro di Sasso 3/4 km. Si passa Fontana (frazione di Sasso) e sulla destra c’è la deviazione per andare a S.Leo e a Jano.

Due km di salita e ti trovi a Jano, meglio, ti trovi in un altro mondo!!!! A noi piace tantissimo!

Associazione Zolarancio- Associazione Equi-libristi-  Associazione Zeula

COMMENTO CORALE ALLA FESTA “MI RIFIUTO DI SPRECARE”!

 

 

 

FESTA DEL RIUSO, RICICLO, BARATTO: COMMENTO CORALE!

Giornata speciale e straordinaria domenica  15 Aprile a MI RIFIUTO DI SPRECARE! tra i bravissimi relatori della Tavola Rotonda Marco Boschini, amministratore per 10 anni di Colorno, Coordinatore Comuni Virtuosi di Italia, ideatore e coordinatore del Festival della Lentezza di Colorno!

Abbiamo pranzato con tante specialità dei Produttori Biologici del nostro GAS: Caffè (ALBERO DEL CAFFE’), Pasta e Passata (IRISBIO), Squacquerone (Latticini CASUMARO), Birra Artigianale (Birrificio VECCHIA ORSA)

I NOSTRI PRODUTTORI DI ZAGAS CI HANNO DONATO MOLTI DEI LORO PRODOTTI: TRATTAMENTO SPECIALE PER ZOLARANCIO!

Grazie a tutti i soci impegnatissimi, alle Associazioni che hanno collaborato e in particolare al Comune e alla Pro Loco, al Sig. Gino, al Sig. Mario e a Fabio, grazie a tutti i collaboratori invitati e bravissimi: RUSKO, MIATRALVIA, LINDA e ai relatori davvero eccezionali! Grazie a tutti i partecipanti che sono stati moltissimi, abbiamo stimato almeno 400 persone ma forse di più. GRAZIE!

Valeria

Zolarancini…..

….il tempo non è dei migliori, nuvoloso, mare?…monti?….boh…ci sarebbe anche ‘sta roba del Baratto/Riuso a villa Edvige Garagnani…facciamo un giro poi si vede, c’è sempre qualche sagra in alternativa…

La sede è stata preparata con cura, c’è l’accoglienza, il bar e alcuni cartelli indicatori delle varie iniziative, anche un totem elettronico con video sul ciclo dei rifiuti!!

Vaghiamo per la bella Villa e al secondo piano finiamo in una conferenza/seminario piuttosto partecipata. Si  parla di responsabilità nel nostro ruolo di consumatori, di “rifiuto” del “rifiuto”, della possibilità di riutilizzare, del senso del limite…agricoltura di prossimità….stagionalità e territorialità…etica delle scelte…discariche e inceneritori (chiamati pomposamente termovalorizzatori ma assurdamente energivori)… di riparazioni e sostituzioni…..di sacchetti da riusare e/o da smaltire…del falso concetto di biodegradabilità (a volte occorrono centinaia di anni per biodegradare!!)…del compostaggio possibile…

Sale dentro una sensazione di disagio…quasi un senso di colpa latente….faccio abbastanza?…posso migliorare?…mi interessa? ….che palle però….è festa e voglio distrarmi…pago e che si arrangino…

Escono da una stanza molti “stender” carichi di abiti….baratto…strana scelta che rimanda a tempi antichi….prima dell’invenzione monetaria…sistema che sovrapponeva , all’interno della logica “mercato”, il prezzo al valore….senza speculazioni terze….curiosiamo un po’. Questi sono pazzi…il rapporto è 1 a 1! Come io porto una maglietta che ha un “prezzo” di 10 euro e prendo un cappotto che “costa” 200 euro?!?! Valore ?! cosa vuol dire?…se a me non serve più la maglietta e tu non usi il cappotto…scambiandoceli , ridiamo valori a due capi diversamente inutilizzati!? Confermo che sono matti….però con classe e idee…

Gente, tanta, curiosa…popolo di donne e uomini….razze e colori…che fruga, valuta, cerca….interessante fenomeno sociale, lasci fuori dalla Villa le tue abitudini, ne prendi in prestito altre e quando ti riappropri delle tue….le scopri cambiate, anche solo un po’.

Ad un certo punto, suoni…rumori…voci…un gruppo di ragazzi cerca di accompagnare il pomeriggio con musica…cosa?? Strumenti confezionati con materiale riciclato! Scopa, bidone di latta, macchina da scrivere, casco antinfortunistico, antenne per autoradio e…..altro …passato un primo momento di stupore e sintonizzazione scopriamo anche che….sono bravi…cavolo…davvero! Rimani rapito dall’abilità nell’estrarre da questi oggetti, armonie coinvolgenti e ritmi stimolanti….davvero coerenti gli organizzatori con il tema della giornata!!

Il cibo della cucina è bio….magari nel futuro riusciranno anche a  comporre la cucina degli avanzi…intanto impariamo la cucina con le erbe!!!

Ci sono le GEV , il laboratorio del riparo tutto, una “fata” per bambini, alcuni artigiani (veramente notevole la loro capacità di creare con le mani!) che espongono i loro manufatti….il tutto in una atmosfera di serena e festosa laboriosità…..non male…

…complimenti agli organizzatori, coraggiosi e animati da vero spirito critico , propositivo e alternativo rispetto al pensiero comune….drogato e forzato da logiche assurde, distorsione mercantile dei rapporti umani….

Mirko

Una giornata ricca di appuntamenti tutti molto interessanti e partecipati. In particolare, essendomi occupata del baratto, ho toccato con mano la grande quantità di oggetti scambiati. Più volte non ho fatto in tempo a sistemare gli oggetti consegnati, perché c’era già qualcuno interessato a prenderli. Tantissima stanchezza a fine giornata ma anche molta soddisfazione per la riuscita della festa. Grazie a tutti!

Alessandra

Un ringraziamento sentito a tutti gli organizzatori della Festa.
Ho trovato molti spunti interessanti e incontrato tante persone nuove.
Stando alla reception con Federica e Rita, riporto anche i complimenti di tanti cittadini soddisfatti.
Un ringraziamento alle amiche che hanno seguito il Baratto che, forse, è stato veramente impegnativo!!

Verena

Ringrazio tutti per la bellissima festa, sono morta, ma soddisfatta
Stefania

Anche per me è stata un’esperienza positiva e grazie a tutte per la collaborazione
Cristiana

Collaboratori…

Direi che è andata molto bene. Avete raggiunto persone di ogni tipo: ho visto diversi stranieri. Bravi!

Francesca M.

Pomeriggio animato! Grazie a Zolarancio e a tutte le persone che sono venuti a salutarci, a portare e a prendere dei libri…

Equi-libristi
Cari Arancini, complimenti! Alla villa Garagnani domenica 15 aprile, avete offerto ai cittadini un bio-nutrimento per pancia e cervello. bravi.

William per Zeula

 

Mia sorella è venuta con sua figlia e altri bambini, così come sono venute altre persone che conoscevo.
Tutti molto contenti.

Francesca

Invitati…

E’ stata una bella esperienza, complimenti a voi per l’organizzazione. Alla prossima,

Marco Boschini

Siamo partiti veramente col botto!
Grazie ai ragazzi di Zolarancio che ci hanno trattato coi fiocchi oggi pomeriggio: siamo stati davvero benissimo, e speriamo di avervi fatto divertire! Invitiamo tutti voi a postare e condividere foto, video o quant’altro sulla nostra pagina!
Siete stati grandi, e noi siamo carichi a manetta!Inizio modulo

MIATRALVIA

Grazie per aver ospitato la nostra associazione. I ragazzi di Rusko sono stati molto contenti: bella location, tanta gente, una calorosa accoglienza e un’organizzazione efficientissima. Grazie.
Speriamo di riuscire a collaborare di nuovo!

Francesca per Rusko

 

In diretta da Villa Edwige Garagnani, Festa del riciclo e del Riuso – Mi rifiuto di sprecare.
“È giusto pensare a come recuperare i rifiuti, visto che in Emilia Romagna ne produciamo circa 670kg ogni anno.
Noi abbiamo pensato di creare qualcosa che partisse da un altro concetto: non produrre rifiuti riparando gli oggetti. Nelle nostre feste di riparazione tentiamo di contribuire a diffondere la conoscenza sul come riparare un oggetto, creando incontro e scambio tra le persone (che si divertono!)
Sappiamo che il consumismo nasce dall’esigenza indotta a comprare oggetti, noi vogliamo creare consapevolezza sulla storia dell’oggetto. E insegnare / imparare a ripararlo”.

Raffaele Timpano – Ass.ne Rusko – Riparo, Uso e Scambio KOmunitario.